Skip to content

Contatti e Info

L’iscrizione alla formazione BFE avviene attraverso le pagine dedicate ai corsi, ai webinars e ai tutoring individuali e di gruppo.  Alla pagina Formazione BFE è possibile trovare l’intera offerta formativa di BFE Italia. Il contatto con lo staff di BFE Italia avviene dopo l’acquisto di un corso, di norma nell’arco di due o tre giorni lavorativi.

  • Nel caso dell’acquisto di un  Corso (biofeedback, HRV biofeedback o neurofeedback) oppure di un pacchetto di registrazioni di 2 o 5 Webinars, lo staff BFE contatterà gli iscritti , fornendo tutte le informazioni necessarie, i links e le passwords per accedere alle video-lezioni.
  • Nel caso dell’acquisto di un singolo Webinar, il link e la password aggiornati per poter accedere alla registrazione saranno comunicati attraverso il download automatico di un documento PDF.

Domande Frequenti (F.A.Q.)

1. DOMANDE GENERALI

1.1 Chi può utilizzare il biofeedback?
Il biofeedback è una procedura che può essere implementata nella pratica di molte professionalità diverse (Psicologi, Ostetriche, Fisioterapisti, Medici ecc.),

1.2 Posso utilizzare il biofeedback con la mia professionalità?
Ciò che è fondamentale ricordare è che ogni professionista deve rispettare le regolamentazioni definite dagli Albi professionali e Codici Deontologici della categoria di appartenenza. Un professionista può intervenire su determinate problematiche e disturbi in funzione della propria posizione professionale e può utilizzare il biofeedback per il trattamento di disturbi per i quali egli sia professionalmente abilitato ad operare.

1.3 Non sono un professionista della salute, il quali ambiti posso usare il biofeedback?
Il biofeedback può essere utilizzato per il miglioramento della prestazione e per una migliore gestione della risposta allo stress in persone che NON presentino disturbi clinici, previa una adeguata formazione. Il lavoro finalizzato al trattamento di disturbi clinici in Italia riservato unicamente alle professioni sanitarie.

2. RIGUARDO ALLA FORMAZIONE

2.1 Posso iscrivermi ad un corso BFE anche se non dispongo di un’apparecchiatura di biofeedback?
Sì, è possibile iscriversi ad un corso BFE anche se non si ha a disposizione un’apparecchiatura di biofeedback. Tuttavia, non potendo in tal caso svolgere le esercitazioni pratiche, alla fine del corso, si accederà ad un esame di livello II (conoscenze) e non di livello III (conoscenze + competenze pratiche).

2.2. In che modo posso iscriversmi a un corso?
L’iscrizione ai corsi o ai webinar avviene attraverso le pagine dedicate ai corsi, ai webinars e ai tutoring individuali e di gruppo. L’acquisto avviene tramite PayPal, carta prepagata o carta di credito. Alla pagina formazione è possibile trovare l’intera offerta formativa di BFE Italia: http://italy.bfe.org/new/shop-3/.

2.3 Dopo aver acquistato un corso BFE, quando verrò contattato?
Il contatto con lo staff di BFE Italia avviene dopo l’acquisto di un corso, di norma nell’arco di due o tre giorni lavorativi.

2.4 Quando potrò iniziare la formazione?
Ogni corso viene attivato con un numero minimo di due iscritti, nei seguenti periodi dell’anno:

  • Biofeedback: Febbraio, Aprile, Giugno, Settembre, Ottobre
  • HRV Biofeedback: Febbraio, Aprile, Giugno, Settembre, Ottobre
  • Neurofeedback: Marzo, Maggio Ottobre

2.5 Se voglio partecipare ad un corso, entro quando mi posso iscrivere?
E’ possibile iscriversi in qualsiasi momento entro il giorno 15 del mese precedente l’inizio di un corso (es. corso di aprile: iscrizioni entro il 15 marzo).

2.6 In quali giorni e orari si svolgeranno le sessioni di tutoring del corso?
Le date e orari dei 4 tutoring previsti nei corsi BFE vengono stabilite in funzione della disponibilità dell’Istruttore e in accordo con le preferenze del primo corsista iscritto.

2.7 Di cosa ho bisogno per svolgere un corso BFE?
Sicuramente di un computer, di una connessione internet a banda larga, di cuffie con microfono. NB: Per svolgere le esercitazioni pratiche e i tutoring con l’Istruttore (formazione di livello III) sarà inoltre necessario disporre di un’apparecchiatura di biofeedback e di appropriati sensori.

2.8 Quali sensori mi servono per un corso di livello III (competenze teoriche e pratiche)?
Dipende dal tipo di corso a cui ci si iscrive:

  • Corso di Biofeedback: conduttaza cutanea, temperatura periferica, respirazione, elettromiografia di superficie.
  • Corso HRV Biofeedback: respirazione frequenza cardiaca (opzionali conduttanza cutanea e/o temperatura periferica).
  • Corso Neurofeedback:  almeno un sensore EEG.

2.9 Che tipo di apparecchiatura e sensori vengono utilizzati per l’istruzione?
I corsisti BFE vedranno utilizzare apprecchiature e sensori Thought Technology con software Biograph Infiniti nei materiali formativi e nei tutoring con l’Istruttore. Certamente, è possibile utilizzare apparecchiature diverse, purchè idonee ai requisiti del corso (vedi domanda 2.8).

3. CERTIFICAZIONI

3.1 Devo per forza partire dal primo livello di certificazione per arrivare al livello III?
No, non è necessario acquisire una certificazione di livello I e II per raggiungere il livello III.

3.2 Che differenza c’è tra i vari livelli di certificazione/formazione?

  • La certificazione di livello I è introduttiva ed è legata ad una formazione di 5-10 ore in cui vengono trattati gli ambiti di applcazione del biofeedback in generale ma non vengono trasferite conoscenze approfondite e competenze su come applicare il biofeedback. L’esame di livello I prevede una prova scritta con domande a risposta multipla.
  •  La certificazione di livello II è intermedia e prevede una formazione di 10-20 ore in cui vengono trasferite conoscenze teoriche approfondite sul biofeedback e la sua applicazione, ma non vengono svolte esercitazioni pratiche e non vengono valutate e certificate competenze pratiche. La prova di esame è scritta e orale.
  • La certificazione di livello III è avanzata e prevede una formazione di 20 o più ore in cui oltre alle conoscenze teoriche vengono traferite competenze pratiche e la formazione è arricchita da esercitazioni da svolgere a casa e tutoring con un Istruttore BFE.  La prova di esame è scritta, orale e pratica e varia in funzione del fatto che l’esaminato abbia svolto un corso BFE oppure acceda autonomamente all’esame.

3.3 Posso accedere all’esame di livello II o III pur avendo svolto un corso con un’altra organizzazione oppure se ho studiato da autodidatta?
Sì, gli esami di certificazione BFE valutano alcune conoscenze e/o competenze che la persona può avere acquisito in diversi modi. La prova di valutazione verterà sugli argomenti contenuti negli obiettivi formativi di ciascun corso.
NB: Nel caso di un esame di livello III, chi non ha svolto un corso BFE potrà accedervi previa presentazione di un report di un caso trattato.
Per i dettagli vedere la pagina relativa alle certificazioni BFE: http://italy.bfe.org/new/shop-3/certificazioni-bfe/.

 

Lo staff BFE Italia

Coordinatrici della formazione

Carlotta Bonfà. Psicologa Clinica e Psicoterapeuta a indirizzo cognitivo comportamentale, lavora come libera professionista a Padova. Ha maturato esperienza clinica e di ricerca in ambito ospedaliero, in particolare con pazienti cardiochirurgici e in riabilitazione cardiologica, pazienti con dolore cronico di tipo non oncologico (cefalee, fibromialgia, ecc.) e pazienti con problematiche di dipendenza comportamentale (shopping, Internet, computer) e gioco d’azzardo patologico. Dal 2014 è nello staff BFE come coordinatrice della formazione per l’Italia, ed è impegnata nei programmi internazionali BFE-LFB (Learn From the Best) e BFE-IREP (International Research & Education Project). Si occupa inoltre della gestione del portale e dei social media di BFE Italia e dell’organizzazione di eventi, tra cui la giornata scientifica per il Meeting BFE 2015, a Roma.

Denise Betemps. Psicologa (indirizzo di psicologia del lavoro e delle organizzazioni) – Psicologa esperta in orientamento, formazione, politiche attive del lavoro. Ha collaborato dal 1998 al 2010 con l’Agenzia del lavoro della Regione Autonoma della Valle d’Aosta, occupandosi di consulenza orientativa, laboratori per la ricerca attiva del lavoro, gestione di colloqui per incontro domanda ed offerta di lavoro, selezione di personale. Dal 2008 al 2012 ha collaborato con lo studio Keiron in progetti riguardanti la salute organizzativa e si è occupata delle valutazioni del rischio stress lavoro-correlato per aziende pubbliche e private. Dal 2010 al 2012 ha collaborato con Biofeedback-Italia nell’organizzazione di corsi di biofeedback e neurofeedback e ha continuato ad occuparsi di formazione, selezione e orientamento. Dal 2014 è nello staff BFE come coordinatrice della formazione per l’Italia e per i paesi francofoni.

Istruttori

Luciana Lorenzon. Svolge attività di docenza e di ricerca in ambito psicofisiologico e utilizza in ambito clinico il Biofeedback e Neurofeedback  per i principali disturbi psicologici e per l’ottimizzazione della performance individuale. Utilizza l’Acceptance and Commitment Therapy e la Mindfulness nella pratica clinica. Consulente presso l’Associazione “La Nostra Famiglia” di Oderzo dove si occupa in particolare di autismo e deficit di attenzione e iperattività. E’ socia clinica AIDAI (Associazione Italiana Deficit attentivo e Iperattività) e socia ordinaria dell’A.I.A.M.C (Associazione Italiana di Analisi e Modificazione del Comportamento). È specialista in EMDR (Eyes Movement Desensibilitazion and Reprocessing), per il trattamento del Disturbo Post-Traumatico da Stress. È coautrice del testo “Progettare per l’Autonomia” edizione Giunti O.S e di alcune pubblicazioni scientifiche. E’ docente e supervisore presso l’Associazione Italiana Psicologi di Milano.

Marianna Munafò. Psicobiologa specializzata in Psicofisiologia Clinica – Psicologa e psicoterapeuta, è co-fondatrice della Inside srl, presso la quale riveste la carica di Project Manager e Direttore della Inside Academy. Ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università degli Studi di Padova, vincendo il premio nazionale dell’Associazione Italiana di Psicologia (AIP). Ha vinto diverse borse di studio presso l’Università degli Studi di Padova per la conduzione di ricerche e progetti nell’ambito della psicofisiologia clinica e sperimentale e ha lavorato per 3 anni come consulente psicologa presso la società Mind Room S.r.l. per lo sviluppo e gestione di percorsi di Biofeedback e Neurofeedback. Ha collaborato alla realizzazione di servizi mirati alla gestione dello stress, basati sulle tecnologie del Biofeedback e del Neurofeedback, per la Scuderia Ferrari. Da diversi anni collabora inoltre con il Servizio di Psicofisiologia per i Disturbi d’ansia e Psicosomatici dell’Università di Padova (L.I.RI.P.A.C). Per la Ferrari Driver Academy progetta e realizza programmi di Mental Training per aumentare la capacità di autoregolazione dei giovani piloti. È  istruttrice certificata dalla BFE.

Davide Pierini. Psicologo esperto in neuropsicologia, candidato al Ph.D presso l’Università di Montreal. Dal 2007 collabora con BFE come istruttore e per la progettazione dei corsi. Utilizza le misure psicofisiologiche dal 1999 a scopo di ricerca e intervento nelle aree della gestione dello stress, disturbi d’ansia, disturbi medici funzionali, peak performance. Dal 2010 si occupa anche di riabilitazione cognitiva dopo un danno cerebrale acquisito.

Share Our Page

Share this post through social bookmarks.